Colonia, la violenza di serie b

C’è indubbiamente una cultura maschile prepotente, un po’ animalesca e violenta alle origini dell’aggressione di massa alle donne avvenuta la notte di San Silvestro a Colonia. Non importa se – come sembra abbia detto ieri il ministro degli interni, quasi si trattasse di un fatto meno grave - le aggressioni sessuali sono state un mezzo al fine di derubare o se siano state esse stesse un fine. Non fa differenza dal punto di vista delle vittime, ma neppure da quello degli aggressori.

di Chiara Saraceno su MicroMega del 8 gennaio 2016

Leggi...

La libertà delle donne

Ciò che è successo a Colonia richiede che la libertà e la dignità delle donne sia messa al centro non solo di grandi dichiarazioni di principio, o usata per la contrapposizione noi-loro, ma delle pratiche quotidiane, di una pedagogia formale ma anche diffusa, a partire da una seria autocritica sulle troppe sottovalutazioni messe in atto quando in gioco è la libertà delle donne, la loro volontà di abitare lo spazio pubblico e di non sottomettersi in quello privato.

di Chiara Saraceno su Repubblica del 8 gennaio 2016

Leggi...

La beffa della laurea: tre anni dopo lavora uno su due, peggio solo la Grecia

L'ultima ricerca di Eurostat sul tasso di occupazione tra i neolaureati dice che solo uno su due in Italia ha un lavoro dopo tre anni dal conseguimento del titolo accademico. Contro una media tra i 28 paesi dell'Unione dell'80,5 per cento e il picco tedesco che raggiunge il 93,1 per cento.

di Roberto Mania su Repubblica del 7 gennaio 2016

Leggi...

Solo l'83% delle donne in pensione

Tutti gli uomini vanno in pensione, le donne no, non tutte. E in Italia ci vanno meno che altrove. La differenza di genere pesa sulla previdenza: sia per quanto riguarda l'entità dell'assegno che per il diritto ad ottenerlo.

di Luisa Grion su Repubblica del 7gennaio 2016

Leggi (da www.dirittiglobali.it)...