I Neet in Italia: una questione generazionale o di classe?
Pasquale di Padova ed Enrico Nerli Ballati esaminano la condizione dei giovani Not in Education, Employment or Training (Neet) in Italia. Negli ultimi anni l’acronimo Neet è stato associato con toni enfatici all’emergere di una nuova questione generazionale. Leggendo la condizione della popolazione tra i 15 e i 24 anni con la lente delle classi sociali familiari, gli autori sostengono che i Neet, anziché segnalare una questione generazionale, riflettono le vulnerabilità connesse alla trasmissione intergenerazionale delle disuguaglianze.
di Enrico Nerli Ballati e Pasquale Di Padova su EticaEconomia del 2 novembre 2017

Leggi...

Dal SIA al REI: il rapporto di valutazione dell'Alleanza contro la povertà sulla prima fase di implementazione del SIA
Secondo la ricerca il Sostegno per l'Inclusione Attiva rafforza il suo effetto se sostenuto da programmazione e interventi realizzati su base locale.
di Eleonora Noia su Secondo Welfare del 9 novembre 2017

Leggi...

Parità di genere: è ora che l'Italia si dia una mossa
L’uguaglianza di genere è la pietra angolare di una società prospera e moderna. In Italia però le differenze sono ancora ampie, in alcuni casi più che in passato. Per questo dobbiamo favorire l’occupazione e la partecipazione delle donne alla politica.
di Alessandra Casarico e Paola Profeta su lavoce.info del 7 novembre 2017

Leggi...

Così il Rei diventa universale
La legge di bilancio rafforza notevolmente il reddito di inclusione. Da luglio 2018 sarà universale e non più riservato ad alcune categorie, come le famiglie con minori. Ma le risorse non sono ancora sufficienti per raggiungere tutti i poveri assoluti.
di Massimo Baldini su lavoce.info del 7 novembre 2017

Leggi...