Metamorfosi del reddito di cittadinanza
Pur riconoscendo al M5S il merito di avere posto al centro dell’agenda politica il contrasto della povertà con adeguati finanziamenti, Saraceno ritiene che la proposta abbia diversi vizi: alcuni originari – la visione del reddito di cittadinanza come politica del lavoro – altri emersi di recente – come l’esclusione degli stranieri non comunitari o i vincoli stringenti alla spesa del reddito – che rischiano di produrre una vera e propria metamorfosi della proposta iniziale.
di Chiara Saraceno su EticaEconomia del 16 ottobre 2018

Leggi...

L’Italia e il Goal 1: servono politiche per tutte le dimensioni della povertà
Secondo il Rapporto ASviS 2018, nonostante le condizioni delle abitazioni e dell’accesso alle cure per i giovani mostrino segni di miglioramento, in Italia peggiora la povertà relativa e assoluta nella maggior parte delle regioni.
su ASviS del 9 ottobre 2018

Leggi...

Accesso all’istruzione: mancano 1,8 milioni di dollari all’anno
La metà dei bambini e un terzo degli adolescenti che abbandonano gli studi vive in Paesi affetti da emergenze umanitarie. L’Unicef lancia un appello per maggiori investimenti nell’educazione inclusiva e di qualità.
di Francesca Cucchiara su AsvIS del 5 ottobre 2018

Leggi...

Perchè il reddito di cittadinanza non abolisce la povertà
Con 10-11 miliardi di spesa annua dedicati al reddito di cittadinanza riusciremo ad azzerare la povertà? No, anche nei sistemi di welfare più avanzati resta sempre una quota di persone in povertà. Sarebbe meglio allora potenziare il reddito di inclusione.
di Massimo Baldini su lavoce.info del 5 ottobre 2018

Leggi...